J.R.R. Tolkien

La Vita

John Ronald Reuel Tolkien nacque il 3 Gennaio 1892 a Bloemfontein, Sudafrica, da genitori di Birmingham. Dopo la morte del padre nel 1896, si trasferì in Inghilterra, e nel 1904 perse anche la madre. Quest'ultima, amante delle lingue e delle fiabe, ebbe il tempo di trasmettere al figlio queste sue passioni prima di morire.

John fu quindi affidato insieme al fratello a padre Francis Xavier Morgan, un sacerdote cattolico che si occupò della sua istruzione. Già all'epoca Tolkien dimostrò una grande attitudine per le lingue: eccelleva in latino e in greco, conosceva lingue come il gotico e l'antico finnico, e iniziò a lavorare ad alcuni linguaggi da lui inventati, come l'Animalico, il Nevbosh e il Naffarin, che poi avrebbero portato alla creazione dell'Elfico e di tutti gli altri linguaggi presentati nei suoi libri.

A diciotto anni, Tolkien si innamorò di Edith Bratt, che sarebbe poi diventata sua moglie, ma padre Morgan impedì loro di incontrarsi e di scriversi finché lui non avesse raggiunto la maggiore età(che all'epoca era fissata a 21 anni). Così, afflitto, si diede allo studio dell'antico inglese e delle lingue germaniche.

Nel 1913, appena compiuti i 21 anni necessari, John ricominciò a frequentare Edith, e nel frattempo tentò di trasformarsi in poeta, con scarsi risultati.

Allo scoppio della grande guerra, si arruolò volontariamente nell'esercito, e prima di partire per il fronte si sposò con Edith, il 22 Marzo 1916. In seguito si ammalò e gli fu concesso il ritorno in patria. Nel 1917 iniziò la sua collaborazione per la stesura dell'Oxford English Dictionary, e nello stesso anno ebbe il suo primo figlio, John, seguito l'anno dopo da Michael.

Nel 1921 divenne docente di lettere all'università di Leeds, e continuò sempre più approfonditamente i suoi studi per i suoi linguaggi, e cominciò a pensare ad un luogo fantastico che in seguito sarebbe diventato tra i più famosi del mondo, la Terra di Mezzo. In questi anni conobbe anche C.S. Lewis, scrittore delle Cronache di Narnia. Nel 1924 nacque il suo terzo figlio, Christopher, che avrebbe in futuro pubblicato molti dei manoscritti del padre. L'anno dopo fu nominato professore di filologia anglosassone al Pembroke College di Oxford, e nel 1929 nacque la sua quarta figlia, Priscilla. Nel 1945, infine, gli fu assegnata la cattedra di professore di lingua inglese e letteratura medioevale al Merton College, dove insegnò fino al 1959, anno del suo ritiro dall'attività didattica. Morì il 2 Settembre 1973, a Bournemouth, un anno dopo la morte di Edith. A causa del suo attaccamento alla sua opera, fece scolpire sulla sua lapide il nome Beren e su quella della moglie il nome Luthien, personaggi di un romantico racconto del Silmarillion. Oggi riposano in pace nel cimitero di Wolwercote, nei sobborghi di Oxford.

Le Opere

I lavori di Tolkien si distinguevano generalmente in due categorie: alla prima appartenevano le storie che inventava per i suoi figli, alla seconda le leggende e la mitologia del suo mondo. Egli volle fornire l'Inghilterra, povera di favole o racconti tradizionali, di una mitologia e di leggende degne di questo nome.

Ad ogni modo, un giorno unì questi due tipi di scritti in uno solo, quando davanti ad un foglio bianco scirsse:"In un buco del terreno viveva uno hobbit". Rimase così affascinato da questa parola, uscita dalla sua penna senza preavviso, che creò una storia intera raccontando le fattezze di questo hobbit e del suo popolo.

Questo racconto fu poi pubblicato nel 1937 con il titolo Lo Hobbit. Il libro ebbe molto successo sia tra i bambini che tra gli adulti, e così Tolkien, su richiesta del suo editore, raccolse tutto il materiale scritto fino ad allora, soprattutto tra gli anni '20 e '30.

Così, in un lasso di tempo relativamente breve, Tolkien pubblicò un nuovo romanzo, che lo avrebbe reso famoso per sempre: Il Signore Degli Anelli. Questo libro fu pubblicato come una trilogia, divisa in tre volumi distinti, che poi furono riuniti in un unico libro nel 1956; Questi erano La Compagnia Dell'Anello,Le Due Torri e Il Ritorno Del Re.

Pubblicò successivamente Le Avventure Di Tom Bombadil, una raccolta di poesie legate a questo personaggio, e iniziò a lavorare poi ad uno scritto che aveva iniziato nel 1917: Il Silmarillion. Non lo terminò mai, e questo libro, così come i Racconti Ritrovati, i Racconti Perduti e i Racconti Incompiuti, è giunto fino a noi solamente grazie a suo figlio Christopher.

È risaputo che Tolkien prendeva appunti su tutti i fogli che gli passavano per mano, e che da questi traeva l'ispirazione per grandi storie, che affascinano tutt'ora grandi e piccoli. Tolkien è tuttora ritenuto il padre del genere fantasy, ed è uno dei più stimati scrittori inglesi di tutto il Novecento.